Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

In bici per la città: regole per la sicurezza Sicurezza

  1. Argomento CircolazioneDue ruoteStrada
  2. Girare per la città in bicicletta è sano, ecologico e divertente. A patto di rispettare le norme di legge e fare molta, molta attenzione.

  3. Condividi
In bici per la città: regole per la sicurezza

La bicicletta, secondo il Codice della strada, è considerata come qualunque altro veicolo, salvo il fatto che non sono richiesti esami o patenti per guidarla. Per questo motivo prima di salire in sella è bene essere informati circa le norme in vigore, in particolare per quel che riguarda i velocipedi.

Ciò detto, ecco un breve vademecum per un uso sicuro della due ruote, soprattutto in città. Perché non solo la legge, ma anche il buon senso e la prudenza sono importanti e possono salvarci la vita.

1) Bici in ordine
Indispensabile, per la propria sicurezza oltre che per quella degli altri, è avere una bicicletta efficiente, con gomme gonfie e freni ben funzionanti.
E’ bene dunque programmare un periodico check-up alla nostra due ruote.

2) Casco
Non è obbligatorio, ma è un presidio raccomandato ai ciclisti, molto importante indossarlo, soprattutto se si pedala in città.

3) Campanello
E’ un obbligo e deve avere una potenza acustica che raggiunga i 30 metri di distanza.

4) Luci
Le luci in dotazione sono prescritte dal Codice della strada, anteriori di colore bianco, posteriori di colore rosso, e vanno utilizzate nelle ore notturne. Inoltre, la bicicletta deve essere dotata di catarifrangenti a luce passiva sia sui pedali sia sui raggi delle ruote.

5) Specchietto retrovisore
Non è un obbligo, ma la dotazione di uno specchietto retrovisore è consigliabile per poter monitorare con sicurezza ciò che accade alle nostre spalle, specie se percorriamo una rotatoria.

6) Tenere la destra (e gli occhi ben aperti)
Sulle strade è obbligatorio tenere la destra, a meno che non si debba effettuare una svolta a sinistra. E’ bene prestare un minimo di attenzione alle portiere dell’auto in sosta. Infatti può capitare che, dopo aver parcheggiato, un conducente sbadato scenda dall’auto senza prima aver controllato nello specchietto retrovisore… e il ciclista può trovarsi troppo tardi di fronte a una portiera aperta.

7) Piste ciclabili
Il ciclista è obbligato a imboccare, nel caso ve ne siano sul percorso, le piste ciclabili, che a tutti gli effetti rappresentano le strade più sicure.







Freni a posto e gomme gonfie
Le luci sono obbligatorie
Pista ciclabile, il percorso migliore
Buono a sapersi

Va ricordato che i marciapiedi sono riservati ai pedoni e che non si possono percorrere in sella, a meno che non siano presenti specifici cartelli che autorizzano la percorrenza anche ai cicli. Pena: multe salate.

Ti potrebbe piacere anche...