Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Sua maestà la pizza

Sua maestà la pizza

La pizza fatta in casa, una ricetta semplice, ma non facilissima. I segreti per preparare una buona pizza nel forno di casa senza cadere negli errori più tipici e ottenere così un risultato eccellente.

Ingredienti

  • 350 g di farina 0
  • 3 g di lievito di birra
  • 230 ml di acqua
  • 1 cucchiaino sale
  • 6-8 pomodori pelati sgocciolati
  • 200 g di mozzarella fiordilatte
  • olio extra vergine d'oliva
  • basilico fresco
  • sale
  • pepe

PREPARAZIONE

La pizza in casa? Si può!

 

Anche senza forno a legna e senza elettrodomestici speciali, nella nostra cucina casalinga, si può ottenere una pizza davvero molto buona.

 

Gli ingredienti sono reperibili e accessibili, la difficoltà è media, il tempo di cottura è davvero breve e quello di preparazione è massimo mezz’ora. È poi vero che si deve stare attenti ai tempi di lievitazione, ottenere un impasto dalla consistenza giusta, avere un po’ di abilità con le mani, ma tutto questo non è impossibile. Eppure ci sono alcuni errori in cui si cade spesso che vanno evitati assolutamente e ci sono alcuni accorgimenti necessari per ottenere una pizza da pizzaiolo.

INIZIAMO A CUCINARE

 

Setacciare la farina. In una ciotola ampia versare l’acqua (a temperatura ambiente) e sciogliervi il lievito. Aggiungere una manciata di farina e farla sciogliere bene nell’acqua (con una mano). Continuare a versare la farina facendola scendere a pioggia un po’ alla volta e intanto continuare ad amalgamare, delicatamente, dall’esterno verso il centro.

 

Quando si è aggiunta quasi tutta la farina l’impasto comincia a prendere corpo. Unire quindi il sale e spolverare la superficie con il resto della farina. Continuare a impastare per 3 o 4 minuti portando sempre l’esterno verso il centro. Coprire la ciotola con la pellicola e lasciare lievitare la pasta per 9–10 ore.

 

Portare il forno a 250°. Ungere bene la teglia del forno, rovesciare la pasta al centro e allargarla con le mani infarinate formando uno spessore regolare. Farla riposare ancora un po’ prima di farcirla.

Salare i pomodori pelati e poi distribuirli sminuzzati sulla pasta. Condire con una macinata di pepe e 2–3 cucchiai d’olio. Mettere la teglia in forno arrivato a temperatura e far cuocere 10 minuti.

 

Nel frattempo sfilacciare e strizzare la mozzarella con le mani.

 

Ritirare la pizza dal forno, distribuire la mozzarella e continuare la cottura per altri 5–6 minuti.

 

Servire la pizza cosparsa di basilico sminuzzato e buon appetito!

4 consigli per evitare errori banali ma cruciali

 

1) Al momento di stendere l’impasto nella teglia non strapazzatelo. Il trucco è quello di non far uscire l’aria schiacciando l’impasto con il mattarello per esempio e non cadere nell’errore di lavorarlo nuovamente. Allargate velocemente l’impasto con le mani e appoggiatelo nella teglia precedentemente oliata, tutto qui.

 

2) Dopo la stesura e prima di farcire date alla pasta un po’ di riposo (15 minuti sono sufficienti). Servirà a permetterle di respirare e di gonfiarsi ancora un poco.

 

3) Attenzione con la mozzarella. Primo, aggiungete la mozzarella solo a fine cottura e non subito insieme al pomodoro. Secondo, strizzate un po’ la mozzarella, oppure tagliatela a dadi e poi lasciatela scolare perché vada via quell’acqua che altrimenti rilascerebbe sulla pizza.

 

4) Forno statico o ventilato, vanno bene entrambi, ma con l’accortezza di infornare sul piano giusto: su quello basso nel forno statico, sul piano intermedio nel forno ventilato. È d’obbligo portare il forno alla temperatura richiesta, prima di infornare la pizza.

Vota la ricetta

Buono a sapersi
Meno lievito si usa, più lungo sarà il tempo di lievitazione, più digeribile sarà la pasta della pizza. Nella ricetta presentata ci sono solo 3 g di lievito, 9–10 ore di lievitazione e altissima digeribilità! D’estate è meglio far lievitare la pasta in frigorifero nella parte meno fredda (quella in alto).
MEMO SPESA
DOVE VUOI CHE VENGANO INSERITI GLI INGREDIENTI