Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Preparare il giardino all’arrivo dell’inverno

Preparare il giardino all’arrivo dell’inverno

Il giardinaggio non è un semplice passatempo, ma una passione e un impegno che ci accompagna per tutto il corso dell’anno. Con la fine dell’estate il nostro giardino necessita di cure speciali per affrontare nel modo migliore le temperature più rigide dei prossimi mesi.

Cinque consigli per un giardino curato e pronto ad affrontare l’inverno

L’autunno è arrivato, e ora ci aspetta una serie di importanti attività per preservare il nostro giardino e renderlo ancora più rigoglioso la prossima primavera.

 

1) Cominciamo con il verificare lo stato di salute del tuo giardino: vanno eliminati i rami spezzati, coperte le piante che non sopportano i rigori dell’inverno e vanno concimate quelle che invece producono fioriture invernali come i ciclamini, i crisantemi, l’erica.

 

2) Per i più esperti e attrezzati, è il momento di trapiantare le piante che sono pronte a essere interrate dopo un primo periodo in semenzaio (o nel vivaio dove le abbiamo acquistate). Questa operazione va fatta prima che inizi la ripresa vegetativa, per non danneggiare la pianta.

 

3) Progettiamo sin da ora la fioritura primaverile. Mettiamo a dimora i bulbi che garantiranno fiori coloratissimi sin dalle prime settimane di primavera. Vanno decisi con attenzione gli abbinamenti di colori e di forma desiderati. In ottobre si piantano il crocus, i tulipani, i bucaneve, gli iris, i narcisi, il mughetto. Perché non fioriscano tutti insieme per un breve periodo, conviene piantarli con qualche settimana di distanza tra ciascun gruppo interrato. I bulbi sono un boccone prelibato per topi di campagna, talpe e conigli: meglio evitare brutte sorprese utilizzando cestelli forati, tondi o quadrati, in materiale plastico.

 

4) Ottobre è il mese delle talee: dunque al lavoro con rose, buganvillee, camelie e ortensie.

 

5) Se il prato ha mal sopportato il caldo secco dell’estate, bisogna riseminarlo; se invece è in buona salute, non nutriamolo con un concime ad alto contenuto di azoto.

La potatura: strumenti giusti, periodo migliore e consigli efficaci

Occupiamoci della potatura delle siepi di lauro, degli arbusti da fiore, degli alberi da frutto e ad alto fusto. Per questi ultimi meglio rivolgersi a professionisti, ma in tutti gli altri casi possiamo far da noi con attenzione e delicatezza. Ci aiuteremo con un bel paio di cesoie o meglio ancora di una motosega. Non serve uno strumento di eccessiva potenza, scegliamo un modello leggero e maneggevole. Attenzione però! Basta una piccola distrazione per causare incidenti anche gravi.

 

Nel motore va messa una miscela di benzina e olio e la catena deve essere sempre ben lubrificata: ci sono infatti due serbatoi: uno per la miscela e uno per l’olio della catena. Se poi abbiamo un camino, preparare la legna da ardere con la motosega diventa un’operazione davvero semplice e veloce.

Buono a sapersi
Selezioniamo le foglie secche più belle e utilizziamole per la creazione di decorazioni per la casa in occasione di Halloween o per una cena con amici. Con castagne, agrifoglio, pigne e foglie secche si può comporre un magnifico centrotavola con i colori dell’autunno.