Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Orto sul balcone: come iniziare

Orto sul balcone: come iniziare

Se il balcone rappresenta l’unica possibilità di testare il vostro pollice verde, provate anche con verdure e ortaggi. È più facile di quanto sembri, se considerate con attenzione alcune variabili. Ecco un semplice tutorial di giardinaggio da seguire passo dopo passo.

L’esposizione

1. Gli ortaggi prediligono balconi esposti a est, ovest, sud est o ovest. Avranno luce per metà giornata ma saranno al riparo dal sole a picco. Se il balcone è a sud, dotatevi di una tettoia.

Ombra o sole?

2. Melanzane, pomodori, peperoni, cetrioli, zucchine e quasi tutte le piante aromatiche amano il sole, mentre il prezzemolo e il crescione preferiscono l’ombra.

Attenzione al vento

3. Ricorrete a stuoie o cannucce ancorate al parapetto o a rampicanti robusti. Faranno da scudo senza riparare troppo: occorre circolazione d’aria per evitare l’attacco dei parassiti.

Sfruttare lo spazio

4. Se il balcone è piccolo sfruttate pareti e ringhiere. Vasi pensili o graticci per ortaggi rampicanti. Prediligete zucchine, fagiolini e pomodori: crescono in verticale.

Scegliere il vaso

5. Di vasi ce ne sono di tutti i tipi: terracotta, plastica, ceramica, legno. Potete anche personalizzare il vostro orto con vecchi secchi, barattoli dipinti a mano o pentole usate.

Quando innaffiare

6. Alla sera nei mesi caldi, al mattino nei mesi freddi. Le piante in vasi di terracotta vanno innaffiate più spesso di quelle in vasi di plastica.