Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Lo yoga per bambini: esercizi e posizioni per crescere bene

Lo yoga per bambini: esercizi e posizioni per crescere bene

Gli esercizi di yoga hanno indiscutibili benefici per gli adulti ma anche per i bambini, che crescono ben coordinati e con una postura corretta.

 

Anche i più piccoli purtroppo stanno diventando sedentari, stanno troppo tempo seduti e sono troppo poco attivi. Tra le ore passate fermi ai banchi di scuola e quelle davanti alla tv o al computer o a giocare alla consolle, la giornata può trascorrere intera tra una sedia e un divano.

Benefici dello yoga per adulti e bambini

Lo yoga è una disciplina che mantiene tonici e flessibili e non trascura nessuna parte del corpo. Le posizioni yoga aiutano a rafforzare la colonna vertebrale anche durante la crescita, i piegamenti fanno lavorare tutte le articolazioni e stimolano gli organi interni massaggiandoli. Aumenta l’elasticità e la resistenza, migliora la postura e per questo aiuta persino a respirare meglio.

 

La pratica dello yoga può combinarsi molto bene con altri sport: nei bambini che hanno già una certa flessibilità, aumenta la resistenza e dà struttura; mentre in quelli che sono più rigidi (spesso proprio a causa dello sport) aumenta l’elasticità. In genere migliora le prestazioni sportive perché contribuisce a mantenere le ossa sane e forti e i muscoli morbidi e flessibili.

 

Lo yoga favorisce la percezione del proprio corpo. I bambini nel corso della loro crescita imparano a distinguere la destra dalla sinistra, lo yoga aiuta a percepire le singole parti del corpo, a tenerle in equilibrio e muoverle in modo armonico. I bambini che praticano questa disciplina sono coordinati nei movimenti e imparano posture corrette che sapranno mantenere anche da grandi.

Benefici dello yoga: non solo fisici, ma anche mentali

E non dimentichiamo che lo yoga non porta benefici soltanto al corpo, ma anche alla mente. Favorisce infatti la concentrazione e allenta eventuali tensioni, rilassa sul piano delle ansie e paure e aiuta a sviluppare maggiore coscienza delle proprie capacità mentali.

 

Una pratica regolare degli esercizi yoga porta i bambini a riposarsi più facilmente e a dormire sonni più profondi.

 

Proponiamolo anche ai più piccoli, in un momento della giornata che vogliamo dedicare a noi e loro insieme. I bambini particolarmente vivaci ne troveranno giovamento e si divertiranno.

Le posizioni di yoga da cui iniziare

Mostriamo alcune classiche posizioni che nella tecnica yoga si assumono attraverso movimenti precisi che passo passo portano alla figura desiderata. Ci si arriva con lentezza ispirando ed espirando al momento giusto. Sono tecniche che si imparano facilmente e che aiutano ad essere concentrati sul proprio corpo dandogli equilibrio e armonia.

La posizione del cobra

La posizione del cobra reale

La posizione dell’albero

La posizione del ponte

La posizione fetale

Consigli utili per la pratica dello yoga

Scegliete un ambiente caldo e areato, senza oggetti pericolosi e con uno spazio comodo per praticare gli esercizi.

 

Qualsiasi ora è buona per fare yoga, ma non durante la digestione: devono passare almeno 2 ore dal pasto.

 

Durante le posizioni yoga i bambini devono respirare normalmente, non trattenere il respiro.

 

Durante gli esercizi i bambini devono stendere bene la colonna vertebrale.

 

Se la posizione risulta scomoda o dolorosa, non insistete: con il tempo il bambino diventerà flessibile.

Buono a sapersi
Anche i bambini più piccoli, dai 3 ai 6 anni, possono fare yoga. Però suggeriamo di inserire negli esercizi l’elemento del gioco, che catturi la loro attenzione e li faccia divertire. Se proponiamo gli esercizi solo come “disciplina” non avremo successo con loro.