Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Il colpo di calore del cane: sintomi, prevenzione e trattamento

Il colpo di calore del cane: sintomi, prevenzione e trattamento

Lasciare il cane in macchina mentre andiamo a fare le nostre commissioni è una pessima abitudine che d’estate può diventare pericolosissima: ecco come riconoscere, prevenire e curare il colpo di calore del cane.

Come evitare ogni pericolo!

Nelle giornate estive, soprattutto quelle afose quando la calura si fa pesante da non respirare, non c’è niente di peggio che vedere un cane chiuso in una macchina, magari a finestrini chiusi e sotto il sole. Difficile capire come si possa tenere un cane e non saper prendersene cura fino a questo punto. Proviamo a immaginare di essere noi al loro posto, chiusi in un abitacolo stretto dove la temperatura sale velocemente!

 

Come le persone, i cani non devono essere mai lasciati in macchina chiusi, tanto meno in condizioni di temperature molto elevate, che producono un inevitabile innalzamento delle temperatura corporea. La normale temperatura corporea del cane va dai 38 ai 39°C: se questa supera il 41–43°C il colpo di calore (o ipertermia) è un rischio quasi certo.

 

Come si riconosce un colpo di calore nel cane

 

Non è difficile riconoscere un cane in difficoltà accaldato e sofferente: è irrequieto, guaisce, sta a bocca aperta e ansima. Già questi segnali devono farci allarmare e spingerci a intervenire. Con il prolungarsi dello stato di ipertermia si possono poi riconoscere anche uno o più sintomi più gravi, tra i quali la tachicardia, ipersalivazione, emissione di bava schiumosa dalla bocca, vomito, diarrea, disidratazione. Sono sintomi molto pericolosi che, se protratti, possono portare al collasso, al coma e quindi alla morte, anche in poco tempo.

Cosa fare quando un colpo di calore colpisce il tuo cane

In caso di colpo di calore, per raffreddare il corpo del cane questi sono i primissimi fondamentali interventi:

 

- portare il cane fuori dall’abitacolo della macchina, spostarlo all’ombra in un ambiente più fresco, meglio ancora se climatizzato, dargli acqua da bere;

 

- provare a raffreddare il cane con acqua fresca, anche immergendolo in una vasca di acqua fresca (non ghiacciata: il raffreddamento non deve essere rapido e repentino);

 

- tamponare il corpo del cane con una spugna bagnata con acqua;

 

- via via controllare la temperatura del cane (con un termometro rettale) e quando la temperatura è scesa a 39°C portarlo dal veterinario.

 

Il veterinario provvederà a somministrare una terapia reidratante per normalizzare le condizioni del cane ed evitare complicazioni. Se il colpo di calore non è stato identificato precocemente e non si è intervenuti subito, non è detto che le misure abbiano esiti positivi.

 

Dopo un colpo di calore è bene tenere il cane per qualche giorno in luoghi freschi e ventilati e non fargli fare attività fisica.

Come aiutare un cane chiuso in macchina

Se vedi un cane chiuso in una macchina, non esitare ad aiutarlo. Innanzi tutto, se è una cosa fattibile (per esempio se la macchina è parcheggiata davanti a un negozio) cerca il padrone della macchina, altrimenti chiama le autorità competenti, la polizia municipale in questo caso e segnalalo immediatamente, sperando che la segnalazione vada a buon fine.

Buono a sapersi
I cani che rischiano maggiormente il colpo di calore sono quelli molto giovani o molto anziani, ma anche i cani obesi o quelli a pelo lungo che tengono il calore, e quelli dal mantello di colore nero piuttosto che chiaro.