Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
I peperoni: ricette e curiosità

I peperoni: ricette e curiosità

Ancora tempo di peperoni: sui banchi della verdura è un piacere vedere questi ortaggi rossi, verdi e gialli e di diverse varietà. Ecco una guida su come sceglierli, come cucinarli e come mangiarli cotti e crudi.

Peperoni gialli, rossi e verdi: quali sono le differenze

I peperoni più classici sono quelli rossi, gialli e verdi: sono grossi, robusti e hanno forme che variano da lunghe a quadrotte, oppure più affusolate e snelle. Sono carnosi e dal sapore dolce, senza alcuna piccantezza.

 

Quelli verdi sono colti prima di completare la maturazione, altrimenti diventerebbero rossi o gialli. Proprio per questo sono quelli dal gusto più amarognolo. I rossi sono i più robusti, mentre i gialli sono i più carnosi e teneri. I migliori da arrostire sono quelli gialli, mentre per la classica peperonata è meglio mescolare i tre tipi insieme. Tutti e tre i tipi sono adatti per i peperoni ripieni, basta scegliere quelli più grossi, larghi e bassi, piuttosto che stretti e lunghi.

I friggitelli, o friarielli a Napoli

Verdi e piccoli come i peperoncini, ma non altrettanto piccanti. Sono perfetti per essere fritti in padella, da cui il nome “friggitelli”, o per essere cotti alla griglia e conditi con un po’ di sale e olio. Si cuociono interi, così come si trovano.

Le papacelle napoletane

Peperoni di dimensioni piccole e schiacciate, le papacelle possono essere rosse, gialle e verdi e sono particolarmente carnose e dolci. La dolcezza della polpa è proprio la loro caratteristica. Sono saporitissime da mangiare crude, tagliate a filetti in insalata, e squisite anche per la peperonata.

Come scegliere i peperoni

Fate attenzione che non abbiano parti scure o la pelle ammaccata e rugosa. La pelle deve essere ben tesa e liscia. Non perdetevi invece sulla forma, che anche se non è perfetta non condiziona il sapore e la bontà del peperone.

4 idee per usare i peperoni in cucina

Semplici e gustose idee per cucinare i peperoni.

1) Crema di peperoni

Ottima da spalmare sui crostini o per condire la pasta. Dopo un semplice soffritto di cipolla, si cuociono i peperoni tagliati a pezzetti, con l’aggiunta di sale e una manciata di prezzemolo. Quando sono ben cotti e morbidi, si passano nel bicchiere del mixer e si frullano a velocità media fino ad ottenere un composto cremoso. Per condire la pasta aggiungere anche una bella dose di parmigiano. Piace moltissimo anche ai bambini.

2) Peperonata

Un classico, ma imperdibile. I peperoni si tagliano a fette sottili e si lasciano stufare in padella con cipolla e aglio. A metà cottura si aggiungono i pomodori freschi ben maturi, oppure la polpa di pomodoro.

3) Peperoni in insalata

Sebbene più difficilmente digeribili, i peperoni si mangiano anche crudi. Per le insalate di peperoni proponiamo le papacelle, dolci e tenere, da mangiare anche a morsi!

4) Peperoni ripieni

Qui la fantasia non ha limiti e ce n’è per tutti i gusti: da un classico ripieno di tonno, olive, capperi, pane, uvetta e pinoli ai ripieni di carne, di riso o anche di altre verdure, le melanzane per esempio. Scegliere i peperoni dalle forme ampie, sbollentarli in acqua bollente prima di tagliarli per riempirli e cuocerli in forno con il loro ripieno.

Buono a sapersi
I peperoni sono ricchi di vitamine, in particolare la vitamina C, e di antiossidanti. Contengono molti sali minerali, principalmente il potassio, ma anche il ferro, il magnesio e il calcio. A discapito di queste proprietà benefiche, il peperone è sconsigliato a chi ha problemi gastrici perché, come è noto, può creare problemi nella digestione.