Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
I cenci: la ricetta dei dolci più famosi del Carnevale

I cenci: la ricetta dei dolci più famosi del Carnevale

A Carnevale in quasi tutta Italia la tradizione propone dolci fritti. Tra feste in maschera e sfilate di carri, le frittelle e i cenci si contendono le vetrine delle pasticcerie e i ripiani dei panifici.


 

Ingredienti

  • Per circa 30 cenci (lunghi 6 cm e larghi 3 cm)
  • 240.00 g di farina 00
  • 2.00 uova a temperatura ambiente
  • 20.00 g di burro
  • 1 cucchiaio zucchero
  • 1 cucchiaio Vin Santo
  • q.b. sale
  • q.b. olio per friggere
  • q.b. zucchero a velo

PREPARAZIONE

I cenci, chiamati così in Toscana, sono in realtà un dolce diffuso in molte regioni italiane, da nord a sud. A seconda delle zone prendono il nome di frappe, bugie, chiacchiere e molti altri. Sono semplici rettangoli di pasta fritta che si sciolgono in bocca, friabili e delicati. Si servono a temperatura ambiente, spolverati di abbondante zucchero a velo.

Setacciare la farina su una tavola pulita (meglio la spianatoia, se l’avete in casa), fare la fontana e metterci le uova, il burro fuso, il Vin Santo e un pizzico di sale.

 

Amalgamare gli ingredienti e poi impastare a lungo finché il composto non diventa sodo, liscio ed elastico. Fare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare per un’ora circa.

 

Passato questo tempo, dividere l’impasto in quattro parti e stenderne uno alla volta, oppure passare ogni pezzo fra i rulli della macchinetta, cominciando dal primo spessore fino all’ultimo, senza saltarne nessuno.

 

Tagliare la pasta a strisce lunghe e larghe circa 3 cm, e poi, con la rotella, a 6–7 cm di lunghezza.

 

In una padella scaldare abbondante olio. Quando è bollente, friggere i cenci (non troppi alla volta perché devono avere spazio e non sovrapporsi) fino a vederli dorati.

 

Tirarli fuori dall’olio e passarli su della carta da cucina.

 
Quando sono asciutti e intiepiditi, spolverare con zucchero a velo.

 

Sono pronti per essere gustati da tutti, grandi e piccini!

Vota la ricetta

Buono a sapersi
Una domanda frequente: i bambini possono mangiare i dolci che prevedono un alcolico tra gli ingredienti? La risposta è sì, nei casi in cui vi sono cotture che fanno evaporare l’alcol non vi è alcun problema. L’alcol evapora a 60°. I cenci cuociono nell’olio a circa 150°, quindi i bambini li possono mangiare tranquillamente.
MEMO SPESA
DOVE VUOI CHE VENGANO INSERITI GLI INGREDIENTI