Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Gatto in arrivo a casa: come prepararsi al meglio

Gatto in arrivo a casa: come prepararsi al meglio

Dolci batuffoli di pelo, musetti irresistibili, simpatici giocherelloni: ecco come sono i gattini quando per la prima volta mettono zampa in casa nostra. Prepariamoci ad accogliere come si deve il micio, attrezziamola in modo adeguato alle sue esigenze e impariamo a conoscere meglio il nostro nuovo amico.

Il benvenuto

È arrivato il momento di ricevere un nuovo compagno. Inizialmente dovrete dedicargli del tempo, osservarlo, imparare a capire le sue richieste, vedere quali luoghi preferisce e cosa gli piace fare. Dategli del tempo, ne avrà bisogno per ambientarsi.

  

Appena arrivato, soprattutto se è timido e diffidente, accompagnatelo nelle stanze per un giro di esplorazione. Portatelo subito laddove avete collocato la sua cassetta igienica e lasciategli il tempo di perlustrare l’ambiente. Quando avrà preso un po’ di confidenza e sarà più rilassato, lasciatelo andare anche nelle altre stanze.

 

Finito il giro della casa assicuratevi che non abbia fame o bisogno di riposare. I gatti dormono molto e mangiano in situazioni di tranquillità: se sono stressati non mangiano affatto. Se non gradirà il pasto che gli avrete preparato, quindi, non preoccupatevi e lasciatelo riposare.

 

Se il gatto cerca nascondigli dove rifugiarsi, provate a farlo uscire attraendolo con il gioco, ma senza insistere. I gatti sono autonomi e indipendenti, saranno loro a decidere quando è il momento di uscire dalla “tana”. Forzarli non servirà a niente.

 

Solo una volta rilassato sarà pronto a conoscere la sua nuova famiglia. Lasciate allora che vi si avvicini spontaneamente, che venga a salutarvi e a farsi dare una carezza.

 

Nei primi giorni, per evitare che combini guai in vostra assenza, chiudetelo in una stanza dove ci sia tutto lo stretto necessario: acqua, cibo, lettiera. Il bagno potrebbe andare benissimo. Questo può valere anche per la prima notte in casa.

 

Ma non vi preoccupate: questa fase durerà pochissimo. Il gatto si abituerà presto a muoversi a suo agio in tutta la casa e a farvi ritrovare tutto in ordine al vostro ritorno!

Preparare la casa

Ci sono accessori necessari fin da subito e pericoli da eliminare per garantire un ambiente sicuro.

 

Gli oggetti indispensabili

 

Cassetta igienica

 

Aperta o chiusa (di solito i gatti le preferiscono aperte), posizionatela in un luogo facilmente accessibile per il gatto, ma sempre un po’ appartata. Non c’è niente di più personale della cassetta igienica, quindi se avete più gatti, date a ognuno la sua cassetta.

 

Ciotole

 

Ce ne sono di acciaio, di plastica e anche di ceramica. Quelle di acciaio sono le più indicate. Ci vogliono una ciotola per l’acqua e due per il cibo: una per il secco (croccantini) e una per l’umido (scatolette varie). Se prevedete un’alimentazione basata solo sui croccantini, può bastare una sola ciotola.

 

L’acqua ci deve essere sempre e deve essere cambiata spesso, perché i gatti amano l’acqua fresca e pulita. Mettere le ciotole in un luogo tranquillo perché possa godersi il pasto indisturbato.

 

Tiragraffi

 

Ce ne sono di molti tipi, di carta o di corda e di tutte le misure e forme. Avrete solo l’imbarazzo della scelta. Ma procuratevelo prima che arrivi il gatto. Servirà a salvare il vostro divano!

 

Giochi

Ai gatti piace giocare e nei negozi scoprirete un mondo di oggetti appositamente creati per loro. Ma provate anche a mettere a loro disposizione scatole di cartone, tappi di sughero o rotoli di cartone vuoti: non passeranno inosservati al vostro gatto.

 

Trasportino

 

È indispensabile quando si ha necessità di portare il gatto fuori, per andare dal veterinario o per portarlo in vacanza.

I pericoli da eliminare

Tenete chiusi in luoghi inaccessibili al gatto tutti i medicinali, i detersivi, i saponi;

 

tenete chiusa la tavoletta del wc: alcuni cuccioli potrebbero caderci dentro; 

 

controllate che le piante di casa vostra non siano velenose: ai gatti piace mordere fili d’erba, piante e fiori;

 

non lasciate in giro sacchetti di plastica: i gatti adorano infilarcisi dentro e potrebbero rivelarsi pericolosissimi;

 

non lasciate mai candele e fornelli accesi, perché i gatti amano le fonti di calore e non sempre riconoscono il pericolo;

 

attenzione ai ferri da stiro caldi lasciati sull’asse da stiro: con un salto il gatto potrebbe avvicinarsi e bruciarsi.

Buono a sapersi
Sebbene ci possa piacere una cuccia per il nostro gatto, non è un oggetto indispensabile. I gatti sanno scegliersi da soli i loro posti preferiti dove passare ore accucciati comodamente. Ciò non toglie che se gli mettete a disposizione una comoda morbida cuccia, potrà essere anche quella il luogo prescelto!