Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Decorazioni di primavera: come realizzare un centrotavola di fiori freschi

Decorazioni di primavera: come realizzare un centrotavola di fiori freschi

Una decorazione di fiori freschi a tavola porta in casa la primavera: ecco piccoli consigli sulle composizioni per apparecchiare con gioia e allegria.

 

Cosa serve per un centrotavola di fiori freschi

Il centrotavola di fiori freschi è una composizione che trasmette allegria e rappresenta in pieno la primavera. Per riprodurre un piccolo giardino colorato scegliamo fiori di colori e fogge diversi, proprio come nei campi convivono in armonia tanti tipi di fiori. L’effetto ricercato non è certo quello della composizione formale: vogliamo portare sulla nostra tavola una tavolozza di colori come quelli di un prato a primavera.

 

Cosa serve: 

 

  • 1 cesto di vimini intrecciato lungo e stretto, alto circa 6 cm, largo 14 e lungo 40
  • 1 spugna sintetica
  • pellicola trasparente
  • muschio

Scegliere i fiori per la decorazione

2 violaciocche bianche

 

1 bocca di leone rosa

 

2 iris selvatici

 

2 genziane

 

6 ranuncoli di vari colori

 

2 tulipani screziati

 

garofanini da bordura

 

fiorellini di calendula

 

rametti di tuia e di edera

 

1 ramo di viburnum opulus

 

2 steli di solidago

 

fiori di campo e selvatici

La composizione: come creare un cesto di fiori fai-da-te

1) Rendere impermeabile il cesto con la pellicola trasparente.

 

2) Inserire la spugna bagnata e nasconderla con il muschio, posizionato lungo tutto il bordo del cestino.

 

3) Iniziare a posizionare i fiori, partendo da sinistra nella parte posteriore del cestino, con il fiore più alto, di forma allungata (in questo caso la violaciocca bianca). Allo stesso modo a destra e arretrato posizionare la solidago, che sarà un po’ più bassa rispetto al primo fiore.

 

4) Aggiungere via via i fiori alle estremità destra e sinistra e procedere in libertà, secondo il proprio gusto compositivo.

 

5) Mescolare fogge e colori e man mano che si avanza verso la parte anteriore, inserire fiori più bassi. Perché sia rispettato l’effetto prato, aggiungere steli verdi.

 

6) Per concludere la composizione usare i fiori di campo, le margheritine, i ciclamini selvatici, foglie di edera e ciuffi di tuia. Se saranno ancora presenti parti di spugna scoperte, vanno coperte con altro muschio.

 

Ora il cestino è pronto per la nostra tavola di primavera, una composizione molto facile da realizzare anche all’ultimo momento.

 

Per avere i fiori in tutta la loro freschezza e splendore di colori, consigliamo infatti di non predisporre il cestino con troppo anticipo: sono fiori di campo, ricordate che non dureranno molto.

 

Il cestino di fiori è ideale per pranzi in un ambiente luminoso, se non addirittura all’aperto, con cibi semplici e leggeri.

 

Si abbina bene a una tovaglia bianca o colorata, ma a tinta unita, perché risalti la varietà di colori della composizione. Se posizionata su una tovaglia bianca, possiamo scegliere tovaglioli colorati in tinta con i fiori del centrotavola.

Spugna, acqua e bacinelle: i consigli dei decoratori floreali

Il segreto di ogni composizione ben riuscita è nel saper utilizzare in modo corretto i sostegni, primo fra tutti la spugna sintetica. È infatti l’aiuto più valido e più usato dai decoratori floreali perché non solo permette di posizionare il fiore in modo desiderato, ma gli fornisce anche l’acqua necessaria a mantenersi fresco.

 

Solitamente le spugne sono vendute in forma di mattone e vanno poi tagliate e modellate a seconda della necessità. Prima di posizionarla nel contenitore scelto, la spugna va bagnata appoggiandola a pelo d’acqua in una bacinella senza spingerla a fondo. In pochi secondi si impregnerà d’acqua e andrà spontaneamente a fondo. A questo punto possiamo esser certi che sia bagnata in modo adeguato e uniforme.

Buono a sapersi
La composizione proposta è realizzata utilizzando un cesto di vimini, ma è adatta anche a un contenitore di cotto, una cassetta di legno e perché no, una teglia di legno. Teniamo presente il menu e l’apparecchiatura che proporremo agli ospiti e scegliamo il contenitore che meglio si armonizza alla tavola.