Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

Agricoltura Biologica

Sin dal 2002, Carrefour offre ai propri clienti la sua linea biologica a marchio. Ad oggi, “Carrefour BIO” comprende oltre 280 prodotti, mentre altri sono in continuo sviluppo perché vogliamo contribuire in maniera sempre maggiore allo sviluppo sostenibile offrendo prodotti di alta qualità, sicuri e rispettosi dell’ambiente.

Ogni prodotto Carrefour BIO è contraddistinto dal logo biologico, perché ottenuto secondo le normative della Comunità Europea. I prodotti, per poterlo utilizzare, devono essere certificati da specifici enti accreditati presso il Ministero italiano delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MiPAAF). Nella pratica, cosa significa produrre i nostri prodotti della linea Carrefour BIO secondo il metodo biologico? E quali benefici possono essere apportati da questo metodo sotto il punto di vista della sostenibilità?

BENEFICI PER L'AMBIENTE E GLI ANIMALI

Nell’agricoltura biologica, a differenza di quella tradizionale, per concimare i terreni e combattere gli arbusti infestanti, i parassiti e le malattie delle piante sono utilizzati metodi 100% naturali.

Questo tipo di agricoltura, che esclude l’utilizzo di fitofarmaci di sintesi chimica nelle pratiche di coltivazione, riduce quindi l’impatto ambientale ed è attenta alla salvaguardia sia dei sistemi sia dei cicli naturali. Lo stesso approccio dell’agricoltura biologica è seguito nell’allevamento biologico. Esso deve rispettare gli animali e il loro equilibrio, senza sfruttarli per migliorarne la resa.

I capi devono essere nutriti secondo il loro fabbisogno giornaliero con prodotti vegetali evitando pratiche di alimentazione forzata. Viene garantita quindi un’alimentazione naturale, con mangimi e alimenti a loro volta biologici, e possibilmente realizzati sul posto. La numerosità del bestiame presente in azienda deve essere rapportato all’estensione della terra di cui essa dispone, così da assicurare un adeguato spazio destinato al pascolo e al libero movimento degli animali.

Inoltre, nell’allevamento biologico è bandito l’impiego di razze ottenute mediante manipolazione genetica ed è regolamentato il trasporto del bestiame, che deve avvenire il più rapidamente possibile e senza l’uso di calmanti.