Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

10 consigli per essere gentili e vivere meglio Salute e benessere

  1. Argomento Abitudini
  2. Gentilezza è educazione, attenzione, rispetto. Non appartiene a comportamenti di altri tempi, è invece un alleato importante per la buona qualità delle nostre relazioni sociali. Atti e parole di cortesia servono a creare rapporti armoniosi con il nostro prossimo e a semplificare le relazioni interpersonali.

  3. Condividi

Il 13 novembre è la Giornata Mondiale della Gentilezza. La ricorrenza fu avviata su indicazione dell’ONU nel 1997, con la conferenza del Movimento Mondiale per la Gentilezza (World Kindness Movement) che si chiuse appunto con una Dichiarazione della Gentilezza. Il Movimento propone in questa data di guardare il mondo con occhi diversi, di guardare oltre se stessi e fare piccoli gesti gentili per stabilire buone relazioni, sane e serene, e vivere bene in mezzo agli altri. Essere parte di una società significa infatti convivere con gli altri nelle nostre case, al lavoro, nei luoghi dove viviamo e ci muoviamo, e in tutto ciò che facciamo.

 

Effettivamente siamo sempre più scortesi e non ce ne accorgiamo neppure. Il turpiloquio è all’ordine del giorno e le buone maniere sembrano appartenere a un’altra epoca, superata e fuori moda. E non è una questione di galateo, niente affatto!

 

SCORTESIA E STRESS

Ogni giorno sembra molto facile irritarsi per tutto e molto difficile essere pazienti. I termini “scusa”, “permesso” e “grazie” sono quasi scomparsi dal nostro vocabolario. Se abbiamo fretta, ci facciamo strada tra la folla senza chiedere permesso, né scusa quando ci scontriamo con qualcuno. Paghiamo il conto alla cassa del supermercato, imbustiamo tutto e usciamo senza ringraziare e senza salutare. Per non parlare poi di quel codice di gesti e frasi aggressive e volgari, tipico dell’automobilista. Queste modalità di comportamento servono solo ad aumentare lo stato di stress e di ansia e a rendere impossibile la comunicazione con il prossimo.

 

I VANTAGGI DELLA GENTILEZZA

Approfittiamo dunque di questa giornata speciale per riflettere proprio sull’utilità e la necessità di essere gentili. Perché la gentilezza crea fiducia, unisce e mette in relazione le persone, alimenta il senso di appartenenza a un gruppo e crea armonia. In conclusione è necessaria per la buona riuscita delle nostre relazioni interpersonali.

 

L’IMPORTANZA DEL SORRISO

Anche le espressioni del volto contribuiscono a facilitare i rapporti con il prossimo: che dire di un bel sorriso sul viso durante una conversazione? Non respinge, non crea diffidenza e soprattutto non fa male! A lavoro, a scuola, negli ospedali, nei negozi, per la strada, perfino per le scale di casa fate un sorriso. Vi sarà ricambiato.

 

LE PAROLE GENTILI

Le parole giuste per essere gentili non sono scomparse, solo talvolta dimenticate. Sono veramente spariti i vocaboli della gentilezza nelle famiglie italiane? I nostri figli sono sgarbati? Non abbiamo saputo insegnare loro queste espressioni? Certo, lo abbiamo fatto. Ma forse siamo noi i primi a non usare abbastanza queste parole. Ebbene, riprendiamo questi termini e usiamoli. Cominciamo proprio da questi tre: “scusa”, “permesso” e “grazie”. Proviamo a usarli almeno una volta a partire da oggi. Fateci caso, non sarà difficile trovare l’occasione adatta.

 

10 SEMPLICI GESTI DI GENTILEZZA

 

1. Salutare prima di uscire da un negozio.

 

2. Alzarsi in autobus e cedere il posto al più anziano.

 

3. Usare il “lei”.

 

4. Aprire la porta e lasciar passare.

 

5. Chiedere scusa.

 

7. Non suonare il clacson al semaforo.

 

8. Abbassare la suoneria del telefonino in luogo pubblico.

 

9. In treno non disturbare con telefonate a voce alta.

 

10. In un incontro chiedere “come va?”.









Buono a sapersi

Praticare gesti gentili non premeditati mette di buon umore, crea serenità e alleggerisce gli stati d’ansia. 

Ti potrebbe piacere anche...