Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter
Come creare inchiostri magici per messaggi misteriosi

Come creare inchiostri magici per messaggi misteriosi

L’inchiostro simpatico, quello fatto con il succo di limone, lo conoscono tutti. Ma si possono creare altri inchiostri “magici” con cipolla, sale da cucina, bicarbonato o con il latte. Scopriamoli insieme. Magia, magia, realizza il tuo inchiostro invisibile. Finalmente potrai scrivere messaggi nascosti e disegnare mappe segretissime che solo tu e i tuoi amici maghi potrete leggere.

Come iniziare

È semplice! Innanzitutto procurati un pennino (sarebbe perfetto quello a china, altrimenti va benissimo anche uno stecchino per spiedini), poi del succo di limone, una cipolla, aceto, sale fino da cucina, bicarbonato di sodio, una candela e il ferro da stiro. Attenzione: per il ferro da stiro, chiedi il permesso o fatti aiutare da un adulto, se non è un oggetto che ancora puoi prendere.
 
E adesso mettiti al lavoro per realizzare i tuoi inchiostri simpatici. A prova di spia!

L’inchiostro con la cipolla

Prendi una cipolla rossa e tritala molto molto fine. Deve risultare quasi pastosa, poi mettila in una piccola ciotola e versaci un po’ di aceto. Lasciala per qualche ora a macerare.
 
Ecco un altro inchiostro invisibile naturale, pronto per scrivere e disegnare a prova di ficcanaso. Anche in questo caso i tuoi segreti si sveleranno davanti alla fiamma di una candela.

L’inchiostro con il sale

Anche con il sale è possibile realizzare un inchiostro simpatico. Basta sciogliere due cucchiai di sale in un bicchiere di acqua e avrai un’altra soluzione per i tuoi giochi magici. Usalo per scrivere sempre su fogli di carta bianchi.
 
Passaci sopra il ferro da stiro per far apparire il tuo segreto, questa volta sarà di colore nero!

L’inchiostro con il latte

Come il limone, la cipolla e il sale, anche il latte può scrivere. Semplicemente latte, senza aggiungervi altro, può funzionare come inchiostro. Versane un po’ in una tazzina e usalo per scrivere. Attenzione: non serviranno fonti di calore come la fiamma o il ferro da stiro, ma basterà inumidire un po’ il foglio con dell’acqua (pochissima) e le parole appariranno ai tuoi occhi.

L’inchiostro con il bicarbonato

Sciogli un pizzico di bicarbonato di sodio in mezzo bicchiere di acqua, mescola e usa la soluzione come un inchiostro. Anche in questo caso avrai bisogno della fiamma della candela per riconoscere parole e disegni nascosti. E, come con l’inchiostro al sale, i segni saranno di colore nero.

Regole da non dimenticare

Aspetta che il tuo messaggio si sia bene asciugato prima di passare il foglio al tuo compagno di giochi.
 
Fai sempre attenzione a non avvicinarti troppo alla fiamma della candela né con le dita, né con il foglio.
 
Puoi avvicinare il foglio anche ad una lampadina accesa, ma anche in questo caso devi evitare il contatto tra carta e vetro che scotta. Ecco fatto: con pochi e semplici materiali, qualche ingrediente che trovi in cucina, carta e candela sei riuscito a realizzare tanti inchiostri per giocare con i tuoi amici, passare un pomeriggio da spie, o creare cacce al tesoro con messaggi segreti tutti da scoprire.
 
Bastano appena un pizzico di manualità e un’abbondante dose di fantasia per ottenere un gran divertimento.
Buono a sapersi
Lo sapevi che l’inchiostro invisibile era conosciuto fin dall’epoca degli antichi Greci? Quello a base di limone e di cipolla fu utilizzato nei secoli anche per tenere nascosti segreti di guerra. Pensa che durante la Prima Guerra Mondiale ci furono persino delle spie britanniche note col soprannome di “spie del succo di limone” proprio perché comunicavano con questo metodo invisibile!