Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

Timidezza: carattere o fase di crescita? Puericultura

  1. Argomento DifficoltàEmpatiaSocialità
  2. Tutti i bimbi vivono momenti di timidezza. A volte, però, si tratta di una condizione. Ecco come gestire la situazione assecondando il loro benessere.

  3. Condividi
Timidezza: carattere o fase di crescita?

Di solito non c'è nulla di male ad essere timidi. Anzi, di solito i bimbi più riservati sono attenti ascoltatori, molto empatici, più riflessivi e tendono a cacciarsi nei guai molto meno.

Tuttavia nei genitori la preoccupazione scatta se i piccoli sono infelici, fanno fatica a relazionarsi o non riescono a farsi degli amici e quando situazioni come una gara sportiva o un festa di compleanno creano disagio o addirittura ansia e paura.

A volte la situazione migliora con la crescita ma, se capiamo che il nostro piccolo è in sofferenza, forse è meglio cercare di aiutarlo a superare il disagio, sempre però seguendo e rispettando i suoi tempi. Come?

Aumentiamo l'autostima: ricordiamo loro momenti passati in cui hanno avuto paura, ma poi l'hanno superata, o situazioni che non volevano affrontare, ma che poi si sono rivelate normali e piacevoli. Magari una festa o una gita dove alla fine si sono divertiti. In questo modo li aiutiamo a comprendere che sono in grado di superare le loro paure.

Forniamo delle strategie: aiutiamo il piccolo ad avvicinarsi a un gruppo di suoi pari e insegniamogli non solo ad ascoltare, ma anche ad intervenire con qualche frase fatta neutra, tipo "Anche a me piace tanto quel gioco/fare quell'attività". Pian piano imparerà a gestire in autonomia le situazioni.

Aiutiamoli a socializzare: diamo la possibilità di mettere in pratica le loro capacità di socializzazione invitandoli, ad esempio, a pagare alla cassa o a chiedere qualcosa in un negozio. Invitiamo a casa gli amici/compagni, facciamo ordinare a loro quando andiamo al ristorante.







Nei genitori la preoccupazione scatta se i piccoli sono infelici
Impariamo ad aumentare la sua autostima
Diamo loro la possibilità di mettere in pratica le capacità di socializzazione
Buono a sapersi

E’ importante dare un rinforzo positivo ogni volta che i piccoli compiono piccoli passi come salutare per primi, intervenire in un discorso o rispondere a un invito. Magari raccontiamo qualche episodio, vero o finto, di quando anche noi eravamo timidi...

Ti potrebbe piacere anche...