Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

Quando il piccolo può fare a meno del ciuccio Puericultura

  1. Argomento AutonomiaCrescitaTettarella
  2. Il ciuccio è un grande aiuto quando il bimbo è neonato ma, con il passare degli anni, può essere difficile toglierlo. Trucchi e segreti per risolvere la questione rispettando i tempi e i bisogni dei bimbi

  3. Condividi
Quando il piccolo può fare a meno del ciuccio

Non tutti i neonati amano il ciuccio, soprattutto se allattati al seno, tuttavia quando lo prendono può essere difficile togliere l'abitudine. Ma è davvero necessario intervenire?
Il ciuccio ha una valenza psicologica molto forte e importante: il ricordo del seno, un momento di consolazione, il piacere orale (che si preserva anche da adulti), il senso di calma predisposto dalla ripetizione del gesto di suzione sono aspetti da tenere in conto per un sano sviluppo neuropsicologico.

Affrontiamo invece il problema di come toglierlo. Posto che il toglierlo sia un problema. Ne siamo sicure? Perché privare il nostro bimbo di una cosa che per lui è un piacere e che non causa alcun danno? Forse ci sono pregiudizi e leggende metropolitane: fa stortare i denti, danneggia il palato, fa produrre troppa saliva ai danni della digestione, il bimbo non sviluppa autonomia, non cresce bene. Ma c'è una buona notizia: il ciuccio non danneggia proprio nulla e i pediatri sono concordi nell'affermare che è meglio aspettare che il bimbo lo abbandoni da solo, quale fase di conquista della propria autonomia.

Tuttavia, se non siamo convinte, ecco qualche idea. Fondamentale però è che il piccolo si senta coinvolto nella vicenda.

1 - Nasconderlo e tirarlo fuori solo quando lo chiede il piccolo.

2 - Inscenare un momento di festa e fare sì che sia il piccolo a regalarlo al suo orsacchiotto/coniglietto/bambola: loro sono ancora piccoli e ne hanno bisogno, lui che lo regala invece è grande.

3 - Tagliuzzare o rovinare la tettarella. Il bambino noterà la differenza e lo sputerà schifato perché non è più la stessa cosa e nel giro di pochi giorni lo abbandonerà.







Il ciuccio e` un momento di consolazione
Fondamentale però è che il piccolo si senta coinvolto nella vicenda
Facciamolo giocare a dare il ciuccio al suo pupazzo
Ti potrebbe piacere anche...