Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

Quando lavare il gatto? Amore per i gatti

  1. Argomento BagnoPulizieShampoo
  2. I gatti sono meticolosi e autonomi nella pulizia personale ma ci sono occasioni in cui è necessario far loro un bagnetto.

  3. Condividi
Quando lavare il gatto?

Per i gatti fare il bagno non è un'abitudine visto che i felini sono famosi per la loro autopulizia quotidiana e precisa.

Tuttavia ci sono casi in cui agire con acqua e shampoo apposito è davvero necessario. Ad esempio se sono venuti a contatto con sostanze velenose, intossicanti, sporche o appiccicose come vernici, spray per ambienti, prodotti per la pulizia domestica, residui di cibo; oppure se il loro pelo risulta al tatto particolarmente oleoso; oppure ancora se hanno una condizione dermatologica (micosi, dermatiti, zecche o pulci ecc... ) per cui è necessario un bagno con un bagnoschiuma medicato.

Un ultimo caso, non meno importante, in cui è necessario ricorrere al bagnetto è se notiamo che, per qualche ragione, il micio non provvede da sé alla propria igiene causando pelo opaco, untuosità e odore.

Fare il bagno ai gatti senza creare loro stress o disagio può essere complicato ma non è impossibile. Basterà seguire qualche trucco per rendere l'esperienza veloce e piacevole, o quasi, per felino e padrone.

Tagliamo le unghie: uno o due giorni prima del bagno, riduciamo la sua capacità di far del male a se stesso o a noi.

Spazzoliamo il pelo: oltre ad avere un effetto rilassante sull'animale, eliminerà i nodi, rendendo l'operazione lavaggio molto più veloce e meno fastidiosa. Una buona idea è continuare a spazzolare anche quando il pelo è bagnato.

Usiamo lo shampoo giusto: evitiamo quello "umano" poiché seccherebbe troppo la sua cute provocando irritazione e prurito ma acquistiamolo su consiglio del veterinario. 

Scegliamo il momento giusto: cioè quando il micio è rilassato e tranquillo, idealmente dopo il pasto o dopo che ha giocato molto. I gatti stanchi (proprio come noi) tendono ad essere più docili e meno combattivi. Aggiungendo poi nella vaschetta con l'acqua i suoi giocattoli, il micio si sentirà molto più a suo agio.

Prepariamo l'ambiente: chiudiamo la porta del bagno, stendiamo per terra degli asciugamani, chiudiamo l'asse del wc e teniamo a portata di mano tutto ciò che ci serve per asciugarlo. Ma attenzione: niente phon!







Uno o due giorni prima del bagno tagliamo le unghie
Spazzoliamo il pelo per evitare nodi
E soprattutto: niente phon!
Buono a sapersi

Un suggerimento: una volta asciugato, diamo sempre una piccola ricompensa al nostro amico. Lo aiuterà ad associare il bagnetto a qualcosa di piacevole o, quantomeno, di positivo.

Ti potrebbe piacere anche...