Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Accedi
Accedi
Cancellazione profilo
Cancellazione Carta PAYBACK
Iscriviti alla newsletter

Come comportarsi con un cane abbandonato

Un cane per amico

  1. Argomento AbbandonoEstateVacanza
  2. Ogni estate la stessa storia: centinaia di cani abbandonati appena arriva il caldo. Mettiamo da parte la rabbia e l'indignazione e capiamo come aiutarli.

  3. Condividi
Come comportarsi con un cane abbandonato

L'abbandono di un animale domestico è un reato penale che prevede sia il carcere sia una pena pecuniaria (fino a 10.000€) e, anche se il dato è finalmente in calo, lo scorso anno solo in Italia sono stati abbandonati per strada quasi 25.000 cani, senza contare quelli non segnalati o quelli lasciati nei canili. I rischi e i danni non riguardano solo le povere bestiole, ma anche tutti noi visto che tali animali sono responsabili di oltre 45.000 incidenti all'anno con 4000 feriti e 200 morti.
Ecco come comportarci quando ne vediamo uno.

1. Avviciniamoci al cane con calma, se possibile accucciati. Se notiamo che il cane arruffa il pelo, digrigna i denti o abbaia, lasciamo subito perdere e chiamiamo il 113 o i pompieri al 115 oppure al numero verde (solo in luglio e agosto) allestito dall'Enpa: 800.137.079.

2. Se invece riusciamo a farci accettare in maniera sicura, cerchiamo subito l'eventuale tatuaggio di riconoscimento guardando nell'interno coscia o nelle orecchie.

3. Se abbiamo uno smartphone, cerchiamo su Google o sul sito delle Pagine Gialle "Veterinari" oppure ASL oppure la sede ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) più vicina.

4. Se ci sentiamo sicuri e vogliamo temporaneamente portarlo con noi, la prima cosa da fare è comunque portarlo da un veterinario che ne accerterà lo stato di salute fisica e mentale (potrebbe essere impaurito o traumatizzato) e verificare con un lettore specifico la presenza del microchip sottocutaneo che ne identifica provenienza e padrone.





Se il cane va in collera chiamiamo pompieri o Enpa
Portiamolo dal veterinario per un controllo
Buono a sapersi

Esistono molte associazioni e onlus che si occupano del recupero e reintegro degli animali abbandonati: spesso trovano una seconda casa tra le braccia di padroni più amorevoli e responsabili.

Ti potrebbe piacere anche...